Seguici    
Accedi
 
 William Burroughs

William Burroughs

"Io i fiori ai poliziotti li lancerei, ma con tutto il vaso e la terra." (William Seward Burroughs)  

 

William Burroughs - St. Louis, 1914 – Lawrence, 1997  

 

William Seward Burroughs, ovvero il padre spirituale riconosciuto della beat generation, l’intellettuale che basò la propria attività di scrittore sulle esperienze autobiografiche di omosessualità, esilio e sperimentazione di ogni droga possibile. Rampollo di una ricca e famosa famiglia di industriali, si laureò ad Harward, università simbolo del conformismo. Il “drogato omosessuale pecora nera di buona famiglia”, come si definì, adottò tuttavia uno stile di vita trasgressivo, agli antipodi rispetto ai modelli etici e alle ferree regole sociali in cui era cresciuto. All’inizio la famiglia lo sostenne economicamente (ma lontano da casa) consentendogli di condurre un’esistenza all’insegna degli eccessi e della sperimentazione esasperata di ogni genere di droghe e allucinazioni. Quando perse il sostegno familiare, lavorò come barista e operaio, e quindi come reporter e pubblicitario a New York, dove si era trasferito nel frattempo. Nel 1943 conobbe i giovani Allen Ginsberg (con cui allacciò una relazione) e Jack Kerouac, due icone della beat generation che lo elessero a proprio maestro di vita. A New York Burroughs entrò in contatto con l’ambiente underground della criminalità cittadina. Ricercato dalla legge per le sue attività illegali legate al consumo e allo spaccio di droga, si trasferì in Messico con la moglie Joan Vollmer, che aveva sposato nonostante la propria omosessualità a causa della comune passione per gli stupefacenti. A Città del Messico scrisse il suo primo romanzo, La scimmia sulla schiena, ma si abbandonò anche a ogni tipo di eccesso. Finché un giorno, cercando di imitare l’impresa di Guglielmo Tell davanti ad alcuni amici, sparò alla moglie uccidendola sul colpo. Come conseguenza, mandò il figlio a vivere con i suoi genitori e cominciò a girare per il mondo, dal Sud America al Nord Africa. Kerouac e Ginsberg lo andarono a trovare a Tangeri aiutandolo a mettere insieme il romanzo Pasto nudo, pubblicato nel 1958, che lo rese una celebrità. Il testo era costruito con una nuova tecnica di montaggio casuale dei brani, il cosiddetto cut-up, che creava una trama spezzata e discontinua, piena di digressioni e flashback. Processato più volte per oscenità, Burroughs si trasferì poi a Parigi avviando una convivenza con lo scrittore e pittore Brion Gysin e continuando a scrivere libri con la tecnica del cut-up. Nonostante lo stile di vita scellerato e autolesionista, morì di infarto all’età di 83 anni in un comune letto di ospedale.

Vedi le altre puntate

Tags

Condividi questo articolo