Seguici    
Accedi
 
 William Kentridge

William Kentridge

William Kentridge – Johannesburg, 1955  

 

Arte, musica e marionette: William Kentridge è un poliedrico artista sudafricano noto soprattutto come autore di film animati, ma anche come scultore, scenografo e regista di teatro e lirica. Nato in una famiglia di avvocati di origini ebraico-lituane dediti alla difesa delle vittime dell’apartheid e cresciuto a contatto con la difficile realtà politico-sociale del suo paese, Kentridge si è laureato in Politica e Studi africani presso la University of the Witwatersrand nel 1976 iniziando a lavorare come attore e regista nella Johannesburg`s Junction Avenue Theatre Company e collaborando alla realizzazione di sceneggiati televisivi e lungometraggi. Dal 1976 al 1978 ha studiato Belle Arti alla Johannesburg Art Foundation per poi realizzare la sua prima esposizione personale di stampe e disegni nel 1979 e quindi trasferirsi due anni più tardi a Parigi per frequentare i corsi di mimo e teatro dell`École Internationale de Théâtre Jacques Lecoq. Dimostrando un forte impegno politico e civile fin dai primi lavori di denuncia dell’apartheid e dei crimini compiuti dall’aristocrazia bianca sudafricana, nel 1989 ha creato il suo primo video d’animazione, Johannesburg, 2nd Greatest City After Paris, realizzato disegnando a carboncino e pastelli e quindi modificando sempre la stessa immagine. Artista multidisciplinare per eccellenza, a partire dall’incontro nel 1992 con la compagnia di marionette Handspring Puppet Company, Kentridge ha iniziato a fondere all’interno della stessa opera animazione, disegno, performance dal vivo e puppetry. Lavorando anche in ambito teatrale, ha sperimentato inoltre numerose tecniche e materiali realizzando fra l’altro sculture in bronzo, video-installazioni, e proiezioni su facciate di edifici. Grazie ai cortometraggi animati, che a partire dagli anni 90 gli sono valsi una grande notorietà internazionale, la sua eclettica e variegata produzione artistica è approdata nel tempo ai maggiori festival e centri d’arte internazionali, dall’International Film Festival di Edimburgo al Museum of Modern Art di New York, dalla Biennale Di Venezia al Centre George Pompidou di Parigi, da Documenta di Kassel al Museo d’Arte Contemporanea di Barcellona, dalla Biennale dell’Havana alla Serpentine Gallery di Londra.

Vedi le altre puntate

Tags

Condividi questo articolo