Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

L’Arma per l’Arte 1969 – 2009

La mostra “L’Arma per l’Arte – Antologia di meraviglie” ospitata nelle sale del Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo rappresenta il secondo appuntamento (dopo Napoli e prima di Firenze) di una serie di eventi celebrativi previsti in occasione del 40° anniversa-rio dell’istituzione del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale. La mostra offre l’opportunità di ammirare una serie di opere straordinarie sottratte al pa-trimonio culturale italiano e recuperate da questo reparto specializzato dell’Arma nei suoi quaranta anni di attività. Istituito nel 1969 come Nucleo dipendente dal Ministero della Pubblica Istruzione, oggi il Comando opera alle dipendenze funzionali del Ministro per i Beni e le Attività Culturali agendo d’intesa con gli altri reparti territoriali dei Carabinieri sul territorio nazionale e in collaborazione con l’Interpol in ambito internazionale. Dal 1970 al 2008 il Comando Cara-binieri Tutela Patrimonio Culturale – che si avvale del più grande archivio informatico di beni da ricercare esistente al mondo - ha permesso il recupero di circa 380mila opere, 750mila reperti archeologici e 250mila falsi. Oltre 8mila opere trafugate in Italia sono state recuperate all’estero, mentre sono circa 1.300 i beni sottratti in territorio straniero che sono stati rinvenuti nel nostro Paese. Il percorso espositivo è diviso in tre sezioni: reperti archeologici recuperati a seguito di at-tività extra giudiziale; opere recuperate all’estero con rogatorie giudiziarie internazionali; recuperi avvenuti sul territorio nazionale. Nella parte archeologica è esposta la Triade Capitolina, gruppo scultoreo in marmo risalente al II secolo d.C.. Proveniente da uno scavo clandestino nell’area di Guidonia, la Triade è stata recuperata nel 1994 in Svizzera, mentre stava per essere ceduta a un collezionista americano. Tra i capolavori visibili nella sezione dell’arte moderna, il Cristo di Pietà tra la Madonna e san Giovanni Evangelista di Andrea della Robbia, la cosiddetta Muta di Raffaello, il Ritratto virile di Antonello da Messina, la Madonna con Bambino e santi del Ghirlandaio e la Madonna col Bambino (Madonna Salomon) di Giovanni Bellini. Anche l’arte contemporanea è rappresentata da importantissime opere, come il Ritratto del figlio Pierre di Renoir, Le cabanon de Jourdan di Cezanne o i due dipinti di Van Gogh, Il giar-diniere e L’arlesienne, l’ultimo ritratto femminile realizzato dal grande artista olandese. La mostra è promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con il patrocinio della Provincia di Roma, dell’Assessorato alla Cultura della Regione Lazio, e dell’Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione del Comune di Roma. L’evento è sostenuto anche da ARCUS e dalla Fondazione Roma. Sede: Museo Nazionale di Castel Sant`Angelo Lungotevere Castello 50 00186 - Roma Tel. 06 6819111 Informazioni: Tel. 06/68.19.111 per il giorno Tel. 06/99.34.44.04 per la sera, per Il Passetto di Borgo e per le Carceri Pontificie Orario di apertura Dal martedì alla domenica, dalle ore 9.00 alle 19.00 Chiuso il lunedì, il 25 dicembre ed il 1° gennaio Biglietti Biglietto ordinario 5,00 € (può aumentare in coincidenza di mostre o eventi speciali)

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo