Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Ai Weiwei. Oltrepassando il limite.

Rai Arte vi ripropone l'intervista alla regista americana Alison Klayman, che ha realizzato il film "Ai Weiwei, Never Sorry", seguendo l'artista per ben 3 anni, proprio nel periodo in cui fu chiuso il suo blog e  all’ingresso del suo studio furono installate le telecamere di sorveglianza.

Ai Weiwei  è un artista cinese di fama internazionale, noto per la sua continua sfida critica nei confronti del governo. In parte censurato dal firewall che controlla l’accessibilità dei cinesi a determinati siti internet, l’artista  riesce a oltrepassare i limiti imposti  dal regime usando soprattutto i social network (specialmente Twitter) per manifestare il suo attivismo politico. Abilissimo nell’uso dei media, è diventato una specie di brand per la libertà d’espressione.

Arrestato all’aeroporto di Pechino il 3 aprile 2012 da uomini che hanno negato di identificarsi, è stato detenuto in prigione per 81 giorni. L’accusa riportata dai media ufficiali cinesi fu di evasione fiscale  e pornografia (aveva postato alcune foto di se stesso nudo su Twitter), ma gli interrogatori quotidiani si sono intensificati soprattutto sul suo attivismo politico.

Rimesso in “libertà” (è stato privato dal passaporto, e per questo alla Biennale di Venezia che ha appena inaugurato sua madre era presente in sua rappresentanza, e l’ingresso del suo studio è controllato da telecamere), Ai Weiwei continua nella sua ricerca per raggiungere un pubblico sempre più vasto attraverso la sua arte.

Per saperne di più http://www.aiweiweineversorry.com

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo