Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Alla ricerca della luce

 

Grazia Toderi al MAXXI.

E’ Roma la protagonista della mostra di Grazia Toderi Mirabilia Urbis ospitata al MAXXI. L’artista, Leone d’Oro alla Biennale di Venezia del 1999, presenta una serie di video proiezioni che offrono visioni della città eterna dall’alto, avvolta nel buio e brulicante di luci come un cielo stellato.

Il progetto è incentrato sul lavoro del 2001 che dà il nome all’intera esposizione. Intorno a questo, la curatrice Monia Trombetta costruisce il percorso che porta il visitatore alla scoperta delle ricerche della Toderi.

Tra i lavori esposti, da segnalare Rosso, proiezione del 2007 dedicata a Roma, e due opere recenti dal titolo Atlante Rosso del 2012, nelle quali la luce disegna atlanti immaginari che si eclissano come pianeti o orbite che si aprono e si chiudono come diaframmi.

Da sempre affascinata dalla luce, dal cosmo, dai pianeti e dalla loro rotazione, Grazia Toderi va alla ricerca dei segreti meccanismi della natura, delle leggi fisiche, delle interazioni chimiche, delle relazioni tra questi e l’uomo. La serie di città viste dall’alto sono il risultato di questo lavoro profondo che coinvolge i nostri sensi, la nostra percezione, e anche la nostra immaginazione. Partendo dal dato concreto e reale dell’agglomerato urbano, si sconfina in modi irreali fatti di visioni, di atmosfere, di percezioni al limite dell’ipnotico.

Monia Trombetta ci guida in questo affascinante percorso e ci spiega l’originale e complessa tecnica di lavoro dell’artista.

Mirabilia UrbisRoma, MAXXI, fino al 10 marzo 2013

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo