Seguici    
Accedi
 

AnderSennoSogno. Mostra di Luigi Ontani

Da quando ha iniziato la sua carriera di artista negli anni sessanta  spesso l’oggetto delle sue opere è stato se stesso. In un continuo viaggio durato più di 50 anni Ontani  ha personalizzato  diverse figure iconografiche, plasmate all’esplorazione della propria  identità. Come un camaleonte Ontani si trasforma e ricerca nel suo “io”, profondo ma leggero, un approdo in territori inesplorati: l’arrivo si manifesta di volta in volta con la  creazione di una  nuova opera.

Affascinato dall’Asia  in uno dei suoi molti viaggi verso nuove mete sia fisiche che interiori, è giunto a Bali dove ha trovato l’ispirazione per elaborare una serie di maschere. Nell'autunno 2012 espone alcune di queste  maschere  in una versione unica e temporanea al museo dello scultore d’origine norvegese Hendrick Christian Andersen  a Roma.

Come se fosse una favola dell’omonimo H. C. Andersen (scrittore danese che però si chiamava Hans, famoso in tutto il mondo  per le sue favole) Ontani ha creato un mondo magico; le figure classiche e monumentali di Hendrick Andersen si reincarnano nel dialogo con l’artista contemporaneo, fungendo da supporto particolarissimo per le sue  maschere. Questa curiosa simbiosi tra classicismo e contemporaneità ha concesso alle statue un balzo nell’avanguardia, trasformandole da figure mute in sculture sonore. Per l'occasione l'artista ha coinvolto infatti Charlemagne Palestine, uno dei maggiori esponenti della musica d'avanguardia nonché uno dei più originali performers e artisti della scena americana degli anni 60 e 70, il quale ha concepito una colonna sonora ad hoc per l'installazione: ogni maschera emette un suono attraverso delle registrazioni performate da Ontani e rielaborate da Palestine.

 

 

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo