Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Arturo Schwarz

 Arturo Schwarz

“Scrivo poesie per dare una forma duratura alle mie emozioni. Scrivo poesie per la stessa ragione che mi fa respirare: per continuare a vivere.” (Arturo Schwarz)  

 

Arturo Schwarz - Alessandria d’Egitto, 3 febbraio 1924  

 

Laureato in filosofia alla Sorbona di Parigi,nel 1946 è tra i fondatori della sezione egiziana della Quarta Internazionale trotskista. Dopo aver subito diversi arresti, nel 1948 viene trasferito dalla prigione Hadra di Alessandria al campo di concentramento di Abukir. In seguito all’armistizio del 1949 tra Egitto e Israele, viene liberato ed espulso in Italia. Stabilitosi a Milano, nel 1952 dà il via a un’attività editoriale. A partire dal 1954 la sua libreria, che si trasforma in galleria nel 1961, presenta i protagonisti del dadaismo e del surrealismo, oltre ai nomi più significativi delle avanguardie storiche e del dopoguerra. Nel 1975 chiude la galleria per dedicarsi a tempo pieno alla scrittura e all’insegnamento. La sua attività di storico dell’arte, saggista, poeta e conferenziere lo porta a viaggiare per tre continenti. Cura le mostre e i cataloghi di importanti manifestazioni internazionali. Scrive opere sul surrealismo e il dadaismo, ma anche sulla kabbalah, il tantrismo, l’alchimia, l’arte preistorica e tribale, nonché l’arte e la filosofia dell’Asia.Pubblica inoltre più di quaranta raccolte di poesie. E’ membro di prestigiose accademie universitarie internazionali ed ha ricevuto premi e onorificenze sia in Israele, che negli Stati Uniti e in Italia.

Tags

Condividi questo articolo