Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Caruso e la pittura che diventa flusso

E' un incontro fecondo quello tra Spazio Comel e Fabio Massimo Caruso. il primo è uno spazio espositivo multifunzionale, tutto giocato su toni chiari e grande luminosità, che è rapidamente diventato un importante punto di riferimento per l'arte contemporanea; il secondo un artista dal percorso creativo sempre meglio definito. La galleria si trova a Latina, città nata dall'incontro tra veneti friuliani, emiliani etc ed il territorio pontino che li ha accolti  e Caruso è un pittore che ha da sempre tra i suoi temi preferiti quello della contaminazione tra persone, idee, tradizioni diverse. Era dunque naturale che una mostra come " Nexus", che ha al centro proprio il  tema dell'incontro tra genti provenienti da realtà  lontane e diverse tra loro,  fosse ospitata nel capoluogo pontino. Sono esposte trenta tele del pittore romano, ispirate proprio dall'idea ,attualissima, dell'incontro tra diversi che può diventare occasione di crescita e creatività. Le opere sono tutte caratterizzate da un segno forte e riconoscibile e da un potente e singolare impatto visivo. Ad amplificarlo il susseguirsi delle performances che accompagnano l'esposizione, dai video alla musica alla pittura dal vivo. Sarà visibile anche un filmato che documenta il progetto artistico " Il Percorso" che Fabio Massimo Caruso ha realizzato a Natal, in Brasile, in occasione dei recenti campionati mondiali di calcio.

" Nexus", Latina, Spazio Comel  ,  7 - 22 febbraio 2015

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo