Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Cesare Brandi: a tu per tu con De Litio

Andrea De Litio (Delitio, Delisio), nasce nel 1420 nel piccolo borgo abruzzese di Lecce nei Marsi ed è uno dei più grandi pittori abruzzesi rinascimentali. Anche se si avanzano dubbi sul luogo di nascita, è certo che De Litio compia l’apprendistato presso la bottega del Maestro del Trittico Biffi, a L’Aquila. Dipinge la prima opera, La Madonna di Cese,  nel 1439 circa. Dall’Abruzzo si sposta in Val Padana (tra Ferrara e Mantova), quindi a Venezia e Firenze. Ma i periodi più prolifici e intensi li trascorre ad Atri, dove morirà nel 1495.

Il coro della cattedrale di Atri è interamente dipinto con le storie della Vergine e di Gesù di Andrea De Litio. Gli affreschi pongono un problema di datazione difficile da risolvere. De Litio ha un attaccamento al passato e una proiezione verso il futuro che confondono l’iconografia. I costumi, per esempio, farebbero pensare alla moda della prima metà del quattrocento, anche se non è possibile pensare che De Litio dipinga prima della diffusione dell’arte di Piero Della Francesca. Da una parte il riferimento alla società del primo quattrocento, dall’altra un occhio alle innovazioni della pittura rinascimentale: le bizzarrie stilistiche di De Litio sono piene di riferimenti alla cultura tardogotica e alla pittura contemporanea. Resta il dubbio, secondo Cesare Brandi, che si tratti di invenzione o di esperienza diretta di altri modelli pittorici.

A tu per tu con l’opera d’arte, un programma di Franco Simongini, con il commento di Cesare Brandi

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo