Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Diamond: la preziosità della street art

Un ritratto di Diamond, artista attivo sul panorama della streetart sin dai primi anni '90.

Diplomato in pittura presso l'Accademia di Belle Arti, la sua arte si caratterizza per uso sapiente del disegno e per alcuni tratti riconoscibili: le lettere, le figure femminili, i tatuaggi, la grafia raffinata e naturalmente il diamante (del quale prende il nome per una sua propensione caratteriale ed artistica all’essere multisfaccettato).

La sua arte, divenuta ormai pura arte urbana, si compone di due registri apparentemente in contraddizione tra loro: da una parte l’eleganza del suo tratto che ricorda la perfezione delle lettere amanuensi medievali. Dall’altra la scelta di scene intense e ricche di simboli, stravaganti, persino morbose (tra i suoi "ispiratori" GustavKlimt, Schiele, Mucha e i simbolisti).

La scelta è di usare la street art per offrire le sue opere alla collettività attraverso i muri e la strada. Tra le sue opere più importanti a Roma: (guarda qui) la Chinese Room, murales temporaneo presso la Casa dell'Architettura nella Galleria -1 (dove già Lucamaleonte aveva creato la Cabinet of Natural History), il murales di Tormarancia, le stazioni della metro B San Paolo e Monti Tiburtini, il Bucraino all'ex mattatoio di Testaccio e un tram della linea 19.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo