Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Enrico Castellani. L`opera d`arte indiscutibile

Serio, riflessivo e composto, Enrico Castellani, nato a Castelmassa nel 1930, è stato insieme a Piero Manzoni e Agostino Bonalumi, uno dei grandi animatori dell'arte italiana negli anni sessanta. Sostenevano l'azzeramento dell'arte e della tradizione, usando gli stessi mezzi attraverso i quali si era espressa la pittura fino a quel momento: la tela, il pennello e il colore, ridotti ai minimi termini. Castellani usa la tela monocroma, il più delle volte bianca, e la tende su punte che la modellano dal retro. La superficie tridimensionale diventa, così, superficie percettibile. Enrico Castellani voleva che le sue opere fossero "indiscutibili", non interpretabili, addirittura impersonali.  Niente denuncia la presenza di una mano o una mente, di un gusto o di una tendenza: la tela è un oggetto, diviso idealmente in parti uguali e simmetriche, attraverso un reticolo regolare, un calcolo matematico.

Enrico Castellani racconta con precisione asettica la sua tecnica e il suo lavoro, in una vecchia intervista realizzata per la serie Il filo del lavoro: pittori e scultori italiani

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo