Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Ernesto Basile e Giulio Aristide Sartorio: un dialogo tra architettura e pittura

 Ernesto Basile e Giulio Aristide Sartorio: un dialogo tra architettura e pittura

È stato pubblicato da Edizioni Scientifiche italiane “I Dioscuri di Montecitorio. Ernesto Basile e Giulio Aristide Sartorio. Un dialogo tra architettura e pittura”, un saggio di Bibiana Borzì, storica dell’arte catanese.
 

La novecentesca Aula dei Deputati a Montecitorio è frutto della stretta collaborazione fra Ernesto Basile e Giulio Aristide Sartorio. Nel realizzare il fregio Sartorio sperimenta nuove tecniche e accoglie con critico entusiasmo il contributo offerto dalla fotografia. Basile è ben interessato, in architettura, ad assimilare nuovi linguaggi, maturando uno stile in sintonia col modernismo europeo. Approdare ad uno stile italico, a metà fra istanze moderne e identità nazionale, era forse la sfida più complessa da affrontare. Basile e Sartorio l’hanno vinta pienamente, giungendo a soluzioni architettoniche e decorative originali. I due maestri, i due Dioscuri di Montecitorio, hanno dato prova di una progettazione unitaria e coerente, un unicum armonico, nel rispetto delle peculiarità linguistiche dell’architetto e dell’artista. Così, il visitatore di Montecitorio, può giocare di zoom con lo specifico di Basile e di Sartorio e con il loro comune retroterra artistico, inquadrato nel clima culturale romano, tra il 1908 e il 1918, un decennio intenso che vede i due maestri impegnati in una straordinaria impresa.

 

Il volume è stato presentato a Catania da Sandro Barbagallo, curatore delle collezioni storiche dei Musei Vaticani e del Museo del Tesoro dell’Arcibasilica patriarcale di San Giovanni in Laterano a Roma e da Maria Teresa Di Blasi della Soprintendenza per i Beni Culturali e Ambientali di Catania.

Tags

Condividi questo articolo