Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Ettore Scola

 Ettore Scola

Ettore Scola - Trevico (Avellino), 1931  

 

Ettore Scola ha firmato alcune fra le più belle pagine del cinema italiano lavorando - prima come sceneggiatore e poi come regista - con i maggiori protagonisti della scena cinematografica: da Totò ad Alberto Sordi, da Vittorio Gassman a Ugo Tognazzi, da Marcello Mastroianni a Nino Manfredi, da Sophia Loren a Stefania Sandrelli. Nato in una famiglia di attori teatrali, ha studiato giurisprudenza all`Università di Roma collaborando con il giornale umoristico Marc`Aurelio. All’inizio degli anni 50 ha iniziato la propria carriera cinematografica sceneggiando al fianco di grandi autori come Age e Scarpelli e Ruggero Maccari alcuni film di Totò e importanti commedie all’italiana come "Un americano a Roma" (1954), "La grande guerra" (1959), "Il Sorpasso" (1962) e "I mostri" (1963). Dopo aver esordito alla regia a soli 34 anni con "Se permette parliamo di donne" (1964), ha ottenuto il primo grande successo nel 1968 dirigendo Alberto Sordi in “Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l`amico misteriosamente scomparso in Africa?”, seguito da "Il commissario Pepe" (1969) e "Dramma della gelosia" (1970). I favolosi anni 70 del cinema italiano hanno visto la sua definitiva consacrazione con "C`eravamo tanto amati" (1974), "Brutti, sporchi e cattivi" (1976), pellicola che gli è valsa la Palma come miglior regista a Cannes lanciandolo a livello internazionale, e "Una giornata particolare" (1977), forse il suo film più acclamato in Italia e all’estero. Aperti dall’amaro “La terrazza” (1980), gli anni 80 hanno visto Scola dirigere altri due film di grande successo: “Ballando ballando” (1983), premio per la regia al Festival di Berlino, e “La famiglia” (1987), considerato da molti il suo ultimo acuto. Il ventennio di maggiore ispirazione della sua produzione cinematografica si è chiuso con due commedie interpretate dal duo Mastroianni-Troisi: "Splendor" (1988) e "Che ora è?" (1989). Vincitore nella sua lunga carriera di numerosi premi italiani e internazionali, Ettore Scola è sposato con la sceneggiatrice e regista Gigliola Scola.

Tags

Condividi questo articolo