Seguici    
Accedi
 

I mondi surreali di Yi Zhou

Yi Zhou crea grandi installazioni multimediali in cui abbina cinematografia, animazione digitale, fotografia, scultura, pittura, disegno e composizioni di musica contemporanea con collaborazioni prestigiose come con il Maestro Ennio Morricone e Pharrel Williams in occasione delle sua partecipazione alla Biennale nel 2011.

È un’artista cinese che vive tra Roma, Shanghai, Hong Kong e Los Angeles.

È nata in Cina ma si è trasferita in Italia all’età di otto anni dove ha studiato fino all’università, ha poi proseguito i suoi studi a Londra e a Parigi.

Il suo lavoro esplora il regno dell’iperrealismo e del neorealismo: da un lato, trae forme visive e tangibili dall’immaginazione e dai sogni; dall’altro, conferisce un aspetto surreale alla stessa natura. Le sue opere, sintesi complessa di fantasia, letteratura, mitologia, filosofia e nuova tecnologia, imbevute di cultura cinese e mediterranea. Introducono la magia conturbante di personaggi e paesaggi virtuali e soprannaturali, calati nella realtà effimera della vita, dell’amore e della morte, usando il linguaggio simbolico dell’inconscio. Fonde metodi espressivi antichi, come la scultura in marmo e la pellicola da 35 mm a tecniche estremamente avanzate, come l’animazione 3D. I suoi film esplorano il limite tra sogno e realtà, immaginazione e follia, verità e menzogna.

Nella sua opera DVF realizzata per la Pace Gallery di Pechino, fa un ritratto della stilista Diane Von Fürstenberg senza tempo. Qui la stilista viene mitizzata come una venere di Botticelli; dalla sua bocca escono figure di donne.

Particolarmente suggestivo è il video The Ear, ispirato al racconto breve Il Naso di Gogol e la storia di Van Gogh, in cui si narra la storia assurda della perdita di un orecchio: nel corso dell’opera di Yi Zhou, l’orecchio si trasforma in un ponte auricolare grazie al quale è possibile raggiungere un altro mondo. Il questo cortometraggio il cantante Pharell Williams interpreta il ruolo di protagonista mentre le musiche sono state scritte e composte da Ennio Morricone.

Anche per The greatness lavora con Pharrell Williams. Qui la musica di Ennio Morricone gioca un ruolo fondamentale e accompagna sulle note di un misterioso valzer il viaggio dell’artista attraverso l’Inferno, il Purgatorio e il Paradiso, naturalmente ispirato alla Divina Commedia di Dante Alighieri.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo