Seguici    
Accedi
 

Il destino avventuroso dell`ultimo Leonardo in un saggio di Pierluigi Panza

 Il destino avventuroso dell`ultimo Leonardo in un saggio di Pierluigi Panza

Il 15 novembre 2017 un Salvator Mundi attribuito a Leonardo da Vinci è battuto all’asta a New York per 450 milioni di dollari. È una piccola tavola, che misura  65 centimetri per 45 ed è il dipinto più costoso della storia, destinato ad essere ospitato nelle collezioni del Louvre di Abu Dhabi.

Realizzato, probabilmente, tra il 1507 e il 1512 per Luigi XII, quando il re di Francia, insieme al ducato di Milano, strappa a Ludovico il Moro anche i servigi di Leonardo, pittore e ingegnere di corte, il dipinto con la ieratica immagine di Cristo, ha un destino avventuroso. Appartenne a tre re d’Inghilterra, sopravvisse ai tumulti delle Rivoluzioni passando di collezione in collezione, e, infine, fu svenduto come una delle innumerevoli copie eseguite da un originale perduto. Restaurato in anni recenti, è stato ritenuto opera autografa del genio toscano. Pierluigi Panza medita sui meccanismi che oggi dominano il mercato dell’arte e offre una dettagliata ricostruzione della storia di quello che è stato ribattezzato " l’ultimo Leonardo".

Tags

Condividi questo articolo