Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Jannis Kounellis si racconta

Jannis Kounellis a vent'anni ha lasciato la Grecia, dove è nato, per trasferirsi in Italia dove tuttora vive e lavora, dopo aver contribuito al rinnovamento dell'arte negli anni sessanta. Quando Kounellis allestisce la sua prima personale italiana alla galleria La Tartaruga, nel 1960, ancora frequentava l'Accademia, ma aveva già chiaro dove sarebbe arrivato: al coinvolgimento del pubblico, fondamentale per completare l'opera d'arte. La sua ricerca, iniziata dal quadro nudo e puro, sfonda i limiti della pittura e sfocia presto nel rifiuto dei mezzi tradizionali. Il passo successivo e la svolta definitiva sono la performance e l'uso di materiali organici e inorganici, che rimandano comunque alla realtà, come ferro, legno, carbone, iuta, animali vivi, brandelli di carne. Nel 1969 espone dei cavalli vivi da Fabio Sargentini, a Roma, e rappresenta il conflitto ideale tra cultura e natura, in cui l'artista è ridotto al ruolo marginale di artefice e l'opera si realizza nella partecipazione e nella relazione tra pubblico e opera.

Nell’intervista, è Kounellis a parlare della sua esperienza e dell’importanza fondamentale, per l’artista, dei presupposti ideologici dai quali deve prendere le mosse la ricerca artistica.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo