Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

La fiera in tempo di crisi

La settimana scorsa Arte Fiera di Bologna ha spento le luci sulla 36a edizione. Hanno partecipato cinquanta gallerie in meno rispetto allo scorso anno. Nonostante la crisi questo appuntamento non delude le aspettative e la sua lunga tradizione di luogo di incontro internazionale di grande qualità. Arte Fiera, la terza nata in Europa dopo Colonia e Basilea, si conferma il più importante appuntamento italiano del settore. La storia della kermesse inizia nel 1974, quando si trattava di una semplice Campionaria. Maurizio Mazzotti, funzionario dell’Ente autonomo Fiere di Bologna, ha l’intuizione di introdurre l’arte contemporanea, alla quale riesce a destinare alcuni capannoni affidandoli ad un gruppo di galleristi. Un anno dopo si tiene la prima edizione dedicata all’arte. La nuova formula attira subito l’attenzione e la curiosità dei visitatori ma soprattutto di galleristi, artisti e critici. Bologna diventa un momento di incontro, un appuntamento impedibile. Rapidamente proiettata in un panorama internazionale, fin dalle prime edizioni, vede la partecipazione di personalità come Leo Castelli, Ileana Sonnabend, Sideny Janis, Giorgio Marconi, Lia Rumma, Lucio Amelio. Dopo i primi coraggiosi anni diventa un crescendo di successi, un’occasione per entrare nel mondo dell’arte, un appuntamento commerciale e culturale in senso ampio e pieno.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo