Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

La prima volta di Archimede

La leva, la bilancia, il planetario meccanico, la vite idraulica, l’orologio ad acqua e la fontana musicale destinata a rallegrare il re di Siracusa. Ma anche gli specchi ustori e la “manus ferrea”,  terribili strumenti di guerra con i quali si incendiavano e si rovesciavano le navi dei nemici. Per la prima volta, un’importante esposizione  ai Musei Capitolini di Roma racconta la figura e le opere  di Archimede, eclettico personaggio siracusano vissuto nel  terzo secolo a.c.

Ideata dal Museo Galileo- Istituto e Museo di Storia della Scienza di Firenze, con la collaborazione del Max-Planck-Institut für Wissenschaftsgeschichte di Berlino e con il contributo dell’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana e della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei, la mostra evidenzia lo straordinario contributo che hanno dato le indagini ed invenzioni di Archimede alla conoscenza del mondo antico e dei secoli a venire.

 Roma, Musei Capitolini: Archimede. Arte e scienza dell’invenzione

 fino al 14 gennaio 2014 

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo