Seguici    
Accedi
 

Le trame antiche di Isabella Ducrot

“In un tessuto, l’invisibile, ingabbiato tra le pareti visibili dei fili, partecipa attivamente alla sua specificità e all’articolazione fra pieni e vuoti si deve la sua duttilità: così due elementi essenzialmente eterogenei vengono a convivere e producono qualcosa di paragonabile a un respiro incarnato.” Così scrive Isabella Ducrot, affascinata dal respiro, dal soffio vitale celato nelle stoffe, tanto da eleggerle a materia privilegiata per sviluppare un originale percorso artistico.

Collezionista e studiosa di tessuti provenienti in particolare dall’Oriente, nelle sue opere che accostano e reinterpretano trame tessili antiche e moderne in un linguaggio raffinato e personale, l’artista esprime la predilezione anche per materiali fragili e caduchi come la carta, con la quale ha realizzato numerose installazioni.  

Nata a Napoli, Isabella Ducrot  ha ideato le decorazioni in mosaico per il progetto MetroNapoli nella stazione  "Vanvitelli". Ha, inoltre, partecipato nel 1993 e nel 2011 alla Biennale di Venezia. Una ricca selezione di opere, significativa della sua poetica tesa verso la filosofia orientale, è stata recentemente esposta, alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma. Presso il Mac-.Maya Arte Contemporanea, fino al 19 luglio 2014, è in corso la mostra Interno Giorno che raccoglie trenta opere inedite su carta eseguite dall'artista dal 2010 ad oggi.  

per saperne di più : http://isabelladucrot.it/it/index.html

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo