Seguici    
Accedi
 

Morandi, pittore universale, torna a Roma dopo 40 anni

Il servizio è stato realizzato da Rai Arte in occasione della mostra "Giorgio Morandi. 1890 -1964" al Cnmplesso del Vittoriano a Roma nel 2015

 

Dopo 40 anni Roma torna a dedicare una mostra a Morandi. Accade al Complesso del Vittoriano dove vengono esposte più di  150 opere, di cui oltre cento dipinti, ma anche molte incisioni, di cui sono spesso visibili anche le matrici e svariati disegni ed  acquerelli. L' esposizione, con opere provenienti da importanti istituzioni pubbliche e da prestigiose collezioni private,  ripercorre l'intero percorso artistico del pittore bolognese, partendo dai suoi  i inizi quando è evidente l'influsso che hanno su di lui cubismo e metafisica fino alle tante opere  che insistono sui temi a lui più cari come le Nature Morte,  piene di oggetti quotidiani come le famose  bottiglie  o più insoliti come le conchiglie, fino ai Paesaggi o ai Fiori. In questa intervista la curatrice Maria Cristina Bandera ci racconta la poetica di Morandi, a partire dalla  sua famosa affermazione che " nulla è più astratto, più irreale di ciò che effettivamente vediamo", ci spiega le influenze che tanti pittori antichi come Caravaggio o  moderni come Cezanne  hanno avuto su di lui e sfata il luogo comune dei suoi quadri " tutti uguali".

" Giorgio Morandi" 1890 - 1964. Roma, Complesso del Vittoriano, 28 febbraio - 21 giugno

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo