Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Quando l`archeologia è in gioco

Il videogioco come strumento di comunicazione culturale e di promozione turistica dei luoghi meno conosciuti del nostro Paese. L’edizione 2017 di Archeovirtual, rassegna organizzata dal CNR ITABC VLlab, appuntamento fisso nell’ambito della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico, è stata dedicata al gioco come dimensione inedita e informale di esperienza del Patrimonio. La mostra si concentra sul rapporto fra archeologia e videogame e sui suoi risvolti sociali ed educativi e ripercorre l’evoluzione delle applicazioni di intrattenimento legate al passato. Dai videogiochi storici che per primi hanno proposto un collegamento con il mondo dell’archeologia, rilanciando la figura dello studioso di civiltà scomparse come eroe positivo, agli ultimi giochi di successo, fino alle novità ideate per i musei, come il Museo Archeologico Nazionale di Napoli e il Museo di Casal De Pazzi a Roma, tra i primi in Italia a confrontarsi con le potenzialità comunicative offerte dal linguaggio videoludico.

Foto in copertina tratta dal videogioco “ Assassin’Creed per PS4

Per approfondimenti www.archeovirtual.it/ www.borsaturismoarcheologico.it/

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo