Seguici    
Accedi
 

Rinnovamento culturale di inizio ‘900

L’inizio del secolo XX ha portato in tutta Europa una forte esigenza di rinnovamento. Le arti visive ne sono state principali protagoniste, interpretando, prima di tutti gli altri linguaggi, la necessità di emancipazione culturale e sociale sentita in molti Paesi. L’Italia con il Futurismo, la Russia con una costellazione di movimenti, tutti ugualmente importanti, hanno dato i primi impulsi a questo rinnovamento creando le avanguardie che hanno segnato la storia dell’arte in maniera indelebile.

La mostra "Avanguardie russe" presenta esempi delle correnti più interessanti di inizio ‘900. Dal cubofuturismo al suprematismo, dall’astrattismo allo stile onirico, dal neoprimitivismo al cézannismo al post-impressionismo, il percorso propone opere dei principali protagonisti di questi anni. Kazimir Malevich, Vasilij Kandinskij, Marc Chagall, Mikhail Larionov e Natalia Goncharova, sono solo alcuni dei grandi nomi presenti in mostra. Senza mai dimenticare le proprie origini e le tradizioni della propria terra, dalle quali traggono spesso la loro iconografia, questi artisti propongono un’apertura verso la sperimentazione e le ricerche più estreme che ha pochi eguali in questi anni. Inoltre, sono i primi, insieme ai futuristi, a sostenere il ruolo sociale dell’artista, che si vede impegnato non solo nella produzione della propria arte ma in un rinnovamento globale che investa anche i molti aspetti del vivere quotidiano, dall’emancipazione culturale del popolo alla letteratura al design.

La mostra è arricchita da testi di Claudia Salaris e attualizzata dall’installazione di Pablo Echaurren intitolata “La memoria del futuro”. E’ lo stesso artista a spiegarne il contenuto: “nelle avanguardie russe c’è la polvere pirica necessaria a far deflagrare ogni forma d’arte e ad accendermi d’entusiasmo ancora oggi. Mi piace retrotrasportarmi in un passato in cui si costruiva il futuro”.

 

Roma, Museo dell’Ara Pacis 5 aprile – 30 settembre 2012

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo