Sergio Pininfarina. Addio a un talento italiano

Il 3 luglio 2012 è scomparso Sergio Pininfarina, imprenditore, designer, geniale progettista di automobili, testimone nel mondo dello stile Made in Italy.

Nato a Torino nel 1926, figlio dello storico carrozziere Gian Battista “Pinin”, si laurea in ingegneria meccanica e nel 1961 prende il comando dell’azienda raccogliendo l’importante eredità culturale del padre. Gli anni ’60 saranno un decennio di sperimentazione e l’impresa di famiglia di impronta artigianale diviene un’importante realtà industriale. Pininfarina disegna modelli di carrozzeria diventati storici: per l’Alfa Romeo, la “Giulietta” Spider e la Spider "Duetto"; per la Lancia, la “Flaminia”, la “Flavia” coupé e la “Dino 246”; per la Fiat,  la "124 Sport Spider" e la "Dino Spider". Negli anni ’80 l’azienda intraprende una ulteriore espansione verso il mercato estero con la progettazione per Daewoo, Cadillac, Bentley e Mitsubishi.  L’attività di progettazione e design, in continua espansione, si allarga a molti altri settori merceologici, diffondendo l’inconfondibile stile Pininfarina a moltissimi prodotti. Per i suoi molti meriti, Sergio Pininfarina viene nominato Cavaliere del lavoro e, nel 2005, senatore a vita.  Uno dei suoi capolavori, la Ferrari Testarossa, è diventata un’icona del made in Italy nel mondo.

In questa intervista realizzata nel 2001 dalla Rai, Sergio ripercorre la storia dell’azienda e racconta il suo lavoro più recente.

Commenta

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo