Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Un genio in 129 opere: Van Gogh a Vicenza

Una mostra vicentina racconta attraverso 129 opere in totale (43 dipinti e 86 disegni), l’intero percorso artistico di Vincent Van Gogh, dai disegni di esordio  al tempo del Borinage in Belgio nel 1880, quando svolgeva la funzione di predicatore laico per i minatori della zona, fino ai quadri conclusivi con i campi di grano realizzati a Auvers-sur-Oise nel luglio del 1890, pochi giorni prima di suicidarsi. Accanto alle opere di Van Gogh, per utili e puntuali confronti, si incontreranno il Seminatore di Jean-François Millet e alcuni dipinti dei pittori della Scuola dell’Aia, che il giovane Vincent guardava con ammirazione, da Israëls ai due Maris.  
Negli spazi ampi e bellissimi  della Basilica Palladiana a Vicenza, l' esposizione si snoderà come un vero e proprio viaggio nella vita e nei luoghi nei quali Vincent ha vissuto: il Borinage, Etten, l’Aia, il Drenthe, Nuenen, Parigi, Arles, Saint-Rémy e Auvers-sur-Oise. Al di là delle lettere al fratello Theo, che fanno da contrappunto ai singoli momenti, certamente uno dei punti di maggior fascino è la sala nella quale, attraverso un grande plastico di 20 metri quadrati, è stato ricostruito  – architetture romaniche e orti e giardini e sullo sfondo la catena delle Alpilles – l’istituto di cura per malattie mentali di Saint-Paul-de-Mausole a Saint-Rémy, il luogo nel quale Van Gogh sceglie di farsi ricoverare da maggio 1889 a maggio 1890. Sarà un’immersione in un luogo sì di sofferenza ma nel quale, e attorno al quale, il pittore ha generato tanta bellezza.

Noi ci siamo fatti raccontare al mostra dal curatore Marco Goldin.

"Van Gogh. Tra il cielo ed il grano".

Vicenza, Basilica Palladiana.

Fino al 8 Aprile 2018



 

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo