Seguici    
Accedi
 

Paolo Borsellino

Il 23 maggio 1992, Paolo Borsellino abbraccia per l’ultima volta il suo amico Giovanni Falcone all’ospedale Civico di Palermo, dove il magistrato è stato trasportato dopo la strage di Capaci. Morirà di lì a poco. Cinquantasei giorni dopo, il 19 luglio 1992, un’auto bomba carica di tritolo stronca la vita di Paolo Borsellino e della sua scorta in via D’Amelio, davanti casa di sua madre. Due stragi che scossero il mondo intero e segnarono la storia della lotta alla mafia. L'immagine di Falcone e Borsellino seduti fianco al fianco mentre parlano e ridono, è il segno positivo del sacrificio umano di due uomini consapevoli che la battaglia che stavano combattendo avrebbe portato dei risultati a costo della vita. Un segno scolpito nella memoria collettiva.

Rai Cultura dedica al magistrato e agli altri "martiri della legalità" un web doc: http://www.cultura.rai.it/default.aspx?refresh_ce